Corsi ECMECMEventiNews

“LA GESTIONE DEL CODICE ROSA E LA TASK FORCE INTERISTITUZIONALE”

SALA IPOGEA PALAZZO DELL’EMICICLO

L’AQUILA (AQ), 25 Novembre 2019

 ID Evento: 279925 CREDITI ECM 6,3

Nel ringraziare tutti gli Enti, gli Ordini Professionali, le Associazioni, i Centri Antiviolenza e quanti a diverso titolo e ruolo hanno offerto il loro patrocinio e la possibilità di utilizzo dei loro loghi per l’Evento del 25 novembre, si invitano tutti gli iscritti e i professionisti sanitari a iscriversi e a partecipare al Convegno che di seguito è indicato.

Un Convegno che è stato promosso in occasione della “Giornata Internazionale contro la violenza alle donne” che si festeggia proprio il 25 novembre e che avrà come titolo “LA GESTIONE DEL CODICE ROSA E LA TASK FORCE INTERISTITUZIONALE”.

Sarà inserito all’interno dell’Evento Chiamarlo amore non si può” e data la risonanza e l’importanza sociale e sanitaria del tema è stato promosso e fatto proprio dall’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune dell’Aquila.

 L’ iniziativa è stata condivisa con l’Amministrazione Comunale ma è stata sollecitata da professionisti della salute, Infermieri, Medici, Psicologi che troppo spesso nell’esercizio del proprio servizio si trovano a dover gestire situazioni complesse e a prendersi “CURA” di Donne vittime della Violenza di genere.

Un convegno organizzato per puntare a fare rete, per condividere, per conoscere e per affrontare concretamente un problema sociale e culturale ancora troppo radicato purtroppo nel nostro Paese.

Per fare RETE, gli operatori sanitari tutti non sono sufficienti a mettere in campo strategie di aiuto e di gestione di situazioni complesse e articolate dai mille risvolti come quelle che si legano a episodi di violenza di genere in cui la donna spesso è anche mamma, è bambina, è sorella, è compagna, è moglie….

Per fare RETE è necessario identificare i tanti anelli e le tante maglie del sistema e questo spesso è talmente complesso che spinge più facilmente ad agire ognuno per proprio conto.

Ognuno ha le proprie ragioni, ognuno le proprie difficoltà, ognuno le proprie battaglie e i propri risultati da vantare ma, per fare bene, per meglio comprendere anche COME il territorio ed i vari soggetti che vi interagiscono si organizzino per garantire tutela alle donne, per dare risposte adeguate, è fondamentale adottare le migliori modalità di funzionamento e di collaborazione.

E quindi, grande importanza avranno le Forze dell’Ordine: Questura e Carabinieri, psicologi, psicoterapeuti, criminologi, avvocati, magistrati, formatori, ricercatori, medici, infermieri, operatori dei Centri Antiviolenza, referenti territoriali per il monitoraggio di quanto si fa e di quanto accade.

Saranno infatti loro che porteranno al convegno in qualità di Relatori o di partecipanti alla Tavola Rotonda al termine dell’Evento, le loro visioni, i loro saperi, i loro diversi spunti, le loro riflessioni, in un percorso di conoscenza e formazione insieme.

L’evento sarà aperto però a tutti, DONNE, Uomini che possano dimostrare la loro solidarietà e consapevolezza, cittadini, professionisti, forze dell’ordine, amministratori, associazioni, semplici cittadini.

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di L’Aquila (OPI AQ) che per primo ha dato peraltro l’impulso a tale iniziativa condivisa poi con gli altri Ordini Professionali e con le istituzioni del territorio, ha accreditato inoltre il convegno come ECM per TUTTI i professionisti sanitari ottenendo, dato il rilevante significato sociale e sanitario insieme, 6,3 crediti.

A conclusione:

“Ogni qual volta l’uomo prende dal corpo di una donna senza il suo permesso, manca di rispetto all’utero da cui è nato, contamina il luogo che l’ha protetto quando era più indifeso, profana il tempio da cui ha iniziato il viaggio”.

(Nikita Gill)

Tags

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close